pace fiscale

Pace fiscale, annunciato il taglio delle cartelle esattoriali: chi e come potrà risolvere i propri debiti con lo Stato?

Pace fiscale, annunciato il taglio delle cartelle esattoriali: il viceministro Leo spiega la manovra a Nicola Porro durante Quarta Repubblica.

Uno dei cavalli di battaglia della campagna elettorale del centrodestra è stato sicuramente il tema fiscale. Attualmente l'Italia è stretta in una morsa molto serrata, soprattutto per le proprie casse. Gli italiani stanno infatti sperimentando sulla propria pelle cosa voglia dire venire da due anni di pandemia, seguiti - con un tempismo sanguinoso - dalla più grande crisi energetica e inflazionistica dagli Anni Settanta ad oggi. In quell'occasione, la crisi del petrolio portò l'inflazione a toccare vette del 20%. Oggi ci assestiamo intorno all'11, ma questo non vuol dire che l'effetto sui portafogli sia di poco conto.

Per ovvi motivi, dunque, il tema economico è stato al centro del programma di tutti i vari partiti impegnati nella competizione elettorale chiusasi il 25 settembre scorso. Come tutti sappiamo bene, il verdetto emerso dalle urne ha decretato la larga vittoria dello schieramento compatto del centrodestra, guidato dalla leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni. Con la sua squadra di governo, il nuovo premier si è messo subito all'opera per intervenire in materia economica. Nello specifico, dopo aver approvato il decreto "Aiuti quater", con la fine dell'anno che incombe è arrivato dunque il momento di parlare della legge di bilancio. Nella quale la Meloni potrebbe infilare uno dei suoi cavalli di battaglia.

Pace fiscale, il viceministro Leo annuncia a Quarta Repubblica la pace fiscale

Come ogni lunedì sera, ieri a Rete 4 è andata in onda una nuova puntata di Quarta Repubblica, il talk-show politico più seguito del palinsesto Mediaset, condotto dal giornalista Nicola Porro. Nell'episodio di ieri, ospite della serata è stato il neo viceministro all'Economia Maurizio Leo, membro di punta di Fratelli d'Italia. Leo è stato intervistato sui contenuti attualmente al vaglio per la prossima legge di bilancio, da attuare entro la fine dell'anno. E in particolare Porro ha chiesto delucidazioni in merito al tema fiscale.

Proprio su questo argomento, il viceministro ha rilasciato dichiarazioni importanti, annunciando che il governo è a lavoro per proporre una sorta di pace fiscale light. Leo l'ha definita, nello specifico, "tregua fiscale", e ha poi spiegato chi dovrebbe rientrare nel provvedimento. Stando ai primi dati non confermati, si parla di una cancellazione totale per tutte le cartelle esattoriali fino a 1000€ di debito. Patteggiamento al 50%, invece, per chi oscilla tra i 1000 e i 3000. Aggi e interessi dovrebbero essere aboliti, mentre le sanzioni dovrebbero scendere alla soglia del 5%. Il vice di Giancarlo Giorgetti ha però specificato che si tratta di numeri ancora in fase di studio e che potrebbero subire ulteriori modifiche in corso d'opera. Pare certo, invece, il limite temporale, secondo cui la manovra si applicherebbe fino alle cartelle del 2015.

Staremo a vedere dunque se la tregua fiscale rientrerà davvero nell'agenda del governo per la prossima legge di bilancio. Alla fine, i tempi d'attesa sono brevi, visto che l'esecutivo guidato da Giorgia Meloni avrà tempo fino a dicembre per approvare il tutto. Gli italiani aspettano.

LEGGI ANCHE >>>> Niente più debiti per gli italiani? Ecco quali saranno cancellati integralmente