mercoledì, Ottobre 5, 2022
HomeSportEsonero Mihajlovic, Ivan Zazzaroni al veleno: "Dopo la malattia...", di chi è...

Esonero Mihajlovic, Ivan Zazzaroni al veleno: "Dopo la malattia...", di chi è la colpa

Dopo appena cinque giornate di campionato, è arrivato il primo esonero in Serie A: Sinisa Mihajlovic non è più l'allenatore del Bologna. L'esperto di calcio Ivan Zazzaroni ha affrontato l'argomento puntando il dito contro coloro che, a suo avviso, sono i colpevoli.

In queste ore gli appassionati di calcio sono concentrati sul mercoledì di Champions. Come noto, il Milan ha pareggiato contro il Salisburgo 1-1 e la Juventus è uscita sconfitta da Parigi (2-1). Tra pochissimo è il turno di Napoli e Inter, entrambe impegnate in casa, rispettivamente contro Liverpool e Bayern Monaco. Nella tarda mattinata di oggi, poi, è arrivata una notizia clamorosa: Tomas Tuchel, tecnico del Chelsea, è stato esonerato dopo la sconfitta esterna (1-0) contro la Dinamo Zagabria.

Poche ore prima, nel pomeriggio di martedì 6 settembre, un altro allenatore aveva perso il lavoro: Sinisa Mihajlovic da qualche ora non è più il tecnico del Bologna. L'avvio di stagione dei rossoblù, dati alla mano, non è stato esaltante: 3 punti in 5 partite. Tuttavia con altri 33 match da disputare, ottenere la salvezza (unico obiettivo realistico per il Bologna) non sarebbe stato impossibile. Eppure la nuova proprietà canadese ha comunicato all'ex giocatore di Lazio e Inter l'interruzione del rapporto lavorativo, con gli immancabili ringraziamenti sul proprio sito web.

Il commento di Ivan Zazzaroni sull'esonero di Sinisa Mihajlovic

Il direttore del Corriere dello Sport ha commentato con parole molto dure l'esonero dell'amico Sinisa. A suo avviso, l'ex allenatore del Bologna da qualche mese sta meglio e ultimamente "ha messo su 4 chili e recuperato energia". Proprio ora che stava ritrovando serenità, è arrivato l'esonero frettoloso. Zazzaroni lancia parole al veleno contro Joey Saputo, definendolo "uomo di numeri, impazienze e latticini", oltre che sarcasticamente "convinto di aver messo il Real Madrid a disposizione del suo allenatore". Non solo: secondo l'opinionista di Tiki Taka, "Joey Saputo avrebbe voluto salutarlo già a febbraio ma il ripresentarsi della malattia lo convinse a non andare oltre il confine del pudore".

"Licenziare Mihajlovic nel periodo in cui si sarebbe dovuto sottoporre al secondo trapianto di midolo lo avrebbe reso ancor più impopolare tra i tifosi", conclude Zazzaroni. Infine viene fatto notare che in estate il Bologna ha venduto tre giovani di ottime prospettive come Hickey, Svanberg e Theate. I nuovi acquisti, almeno nelle prime cinque partite, non hanno entusiasmato. Insomma se il Bologna ha ottenuto solo tre punti in cinque partite la colpa non è solo di Sinisa ma anche di una proprietà che, secondo il giornalista, pretende troppo da una squadra indebolita a seguito del mercato estivo.