Vladimir Putin, le sue parole fanno tremare l'Europa intera: "Comincia una grande tempesta globale"

Putin e la Russia si stanno preparando all'attacco: per il portavoce del Cremlino sta per iniziare una grande tempesta globale. Ecco cosa sta succedendo e cosa dicono Von Der Leyen e Zelensky

La Russia si sta preparando all'autunno. Questa stagione sarà cruciale per il Paese governato da Putin, ma anche per l'Unione Europea. Gli stati europei, infatti, si stanno preparando ad affrontare le conseguenze del blocco del Nord Stream e, in generale, del radicale aumento dei prezzi del gas e dell'energia elettrica. Come riferisce la Tass, per il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov il blocco del Nord Stream, in particolare, è stato causato dalle sanzioni europee. Queste ultime avrebbero ritardato i tempi necessari per la riparazione del gasdotto, causando l'effettiva interruzione del servizio.

L'Unione Europea continuerà ad applicare le sanzioni economiche: il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky ha, infatti, dichiarato su Twitter che si sta preparando l'ottavo pacchetto di sanzioni. Zelensky ha rivelato di aver parlato a telefono con il Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Leyen e di aver deciso con lei quali misure stabilire al fine di limitare i profitti di Mosca dalla vendita di gas e petrolio.

Zelensky sulla Russia di Putin: "Prepara attacco agli europei"

Il presidente dell'Ucraina ha parlato delle intenzioni della Russia di Putin nel futuro prossimo. In particolare, ha detto che Mosca sta preparando un attacco sull'energia agli europei. Per Zelensky, la Russia ha intenzione di distruggere quella che è la vita normale europea, aumentando ancora di più la pressione energetica sull'Europa. Come riporta ANSA, la reazione dell'Europa per il politico ucraino dovrà essere duplice: da una parte, bisognerà restare uniti, e dall'altra si dovranno rafforzare le sanzioni su Mosca. Infine, Zelensky ha detto di aver discusso con Ursula von der Leyen "dell'assegnazione della prossima tranche di aiuti macro finanziari", che dovrà essere effettuata "il prima possibile".

Dmitri Peskov ha detto, invece, che sta iniziando una grande tempesta globale. Questa tempesta, per il portavoce del Governo russo, è derivata dalle azioni dell'Occidente. Quest'ultimo, però, ha detto che la Russia riuscirà, in ogni caso, a "preservare la macrostabilità in mezzo a questa tempesta". A causa delle sanzioni, ha aggiunto il vice premier russo con delega per l'energia Alexander Novak, il prezzo del gas in Europa potrebbe aumentare ancora di più nei prossimi mesi. Come riporta ancora la Tass, secondo il vice premier Novak, questo prezzo potrebbe toccare picchi "record".

LEGGI ANCHE>>>Putin, sfregio clamoroso all'Europa: l'operazione al confine con la Finlandia è un'umiliazione a tutti gli effetti