lunedì, Agosto 15, 2022
HomeCronaca e PoliticaVi ricordate di Michele Misseri, lo zio di Sarah Scazzi? Tutti i...

Vi ricordate di Michele Misseri, lo zio di Sarah Scazzi? Tutti i nuovi dettagli dal carcere

Che fine ha fatto lo zio della povera Sarah Scazzi Michele Misseri? Tutto su uno dei protagonisti del clamoroso delitto di Avetrana avvenuto nel 2010.

Il delitto di Avetrana risale al 2010, a quando il 26 agosto la ragazzina di appena 15 anni sparì senza lasciare nessuna traccia. Si pensò subito ad un allontanamento volontario dati i rapporti difficili tra la giovane e sua madre Concetta. Gli inquirenti si mossero dunque in quella direzione. La cugina Sabrina poi, molto legata a Sarah tanto che le due sembravano inseparabili, indirizzò tutto verso un possibile rapimento. Tuttavia, dopo piste conducenti verso una direzione inesistente, il 29 settembre lo zio della ragazzina, Michele Misseri, fece una scoperta importante. Ritrovò il cellulare quasi interamente bruciato in un campo nei pressi della sua abitazione.

Marito di Cosima Serrano e padre di Sabrina Misseri, rispettivamente zia e cugina della piccola scomparsa, fu sospettato dagli inquirenti assieme alla moglie e alla figlia. In un primo momento confessò l’omicidio, poi fece marcia indietro. In una giostra senza fine di dichiarazioni, fece ricadere la colpa su Sabrina e la ragione dell’omicidio ad un gioco trasformatosi in litigio. Allo zio durante il processo fu riconosciuta una pena di 8 anni di reclusione per aver nascosto il cadavere di Sarah Scazzi e per aver inquinato le prove depistando le indagini. Ma cosa ne è oggi di lui e cosa ne sarà nei prossimi anni?

Che fine ha fatto Michele Misseri?

La prima condanna risale al 2013 da parte della Corte d’assise di Taranto che confermò a Michele Misseri gli 8 anni di reclusione, pena confermata anche dopo il ricorso del 2017. Dovrebbe dunque estinguere la pena nel 2024. In merito dunque al delitto di Avetrana che ha portato alla morte di Sarah Scazzi per mano della cugina Sabrina Misseri e della zia Cosima Serrano, a Michele Misseri fu riconosciuta l’accusa di occultamento di cadavere. Nel 2013 vennero tutti condannati dalla Corte D'Assise di Taranto.

Madre e figlia presero l’ergastolo. Nel 2017 la Corte di Cassazione ha confermato la pena a tutti e tre. Negli anni in carcere Michele Misseri si è dimostrato un detenuto modello, impeccabile,  tanto da spingere i suoi legali a chiedere a lo scorso maggio gli arresti domiciliari. Il Tribunale avrebbe però negato tale richiesta. Avrebbe emesso un’ordinanza affinché l'uomo cominci un percorso riabilitativo di brevi periodi fuori dalla struttura carceraria. Salvo differenti decisioni che potrebbero arrivare a breve o anche in virtù dei permessi concessi a Michele Misseri, a maggio 2024 dovrebbe concludersi definitivamente la sua pena.

LEGGI ANCHE>>>Sarah Scazzi, dopo dodici anni spunta un clamoroso retroscena: "C'entra il matrimonio, ecco perché l'hanno uccisa"