martedì, Agosto 9, 2022
HomeSpettacoloMax de I Fichi d’India racconta il suo ricovero in ospedale: "Ero...

Max de I Fichi d’India racconta il suo ricovero in ospedale: "Ero pieno di sangue e pus, stavo morendo"

Ricordate i Fichi d'India? Max ha rivelato un'esperienza davvero dolorosa. Il suo ricovero in ospedale e la grande sofferenza. 

Max Cavallari, storico componente del duo comico “I Fichi d’india”, ha di recente subito una operazione che non si sarebbe conclusa come si sperava. Ricordiamo, poi, che un altro grave problema di salute ha purtroppo caratterizzato la carriera del buon Max. Ci stiamo riferendo al terribile ictus che colpì Bruno Arena, l’altro componente del duo, e che lo costrinse ad abbandonare addirittura le scene. Su kataweb.it possiamo trovare appunto le parole con cui Cavallari parla dell’accaduto e quello che ha significato per entrambi i “Fichi d’India”.

Il comico ha confessato che dopo la notizia di Bruno ha dovuto ripensare alla sua carriera perchè tutta la loro comicità era pensata per un duo e non per un solista. Bruno si è sentito male proprio mentre i due erano in scena. Molti pensavano si trattasse solo di una congestione ma poi la verità è stata molto più dura. Il comico arrivati in ospedale era già in coma e l'emorragia aveva già invaso il suo cervello.

A Verissimo, però, parla della tempra d’acciaio del buon Bruno Arena e di come, contro il pronostico dei medici, adesso lotti ancora con grande coraggio con le conseguenze di quella tragica vicenda. Max definisce Bruno un campione che sta lottando tantissimo. Una personalità forte che fa tantissima fisioterapia e mangia da solo. I medici sono positivi e chissà se un giorno li rivedremo in scena insieme. Intanto però anche Max ha avuto una disavventura in ospedale piuttosto complicata di cui ha parlato.

Max: l'operazione andata male

Il noto attore, infatti, dopo essersi sottoposto ad una addominoplastica è tornato a casa credendo che tutto si fosse concluso per il meglio. La verità sconvolgente è che, pochi attimi dopo, si è trovato con dolori lancinanti all’addome e con un febbrone da cavallo. Il racconto di Max è agghiacciante, stava per andare in setticemia ed era pieno di sangue. Ha trascorso ben 40 giorni a letto con la febbre molto alta e i medici gli bucano l'addome per far uscire l'infezione.

Il medico responsabile dell’intervento, però, si è difeso affermando che il comico non avrebbe seguito la prescrizione postoperatoria ma la risposta di Max non si è fatta attendere affatto. L’attore ha per l’appunto seccamente replicato: “Non è vero, i danni che ci ha fatto sono visibili, chiunque può vederlo“. Ora Cavallari, per fortuna, sta bene  ma ancora non è stata fatta chiarezza sulla vicenda.

LEGGI ANCHE:Max Giusti fatto fuori da TV8 punta il dito contro Alessandro Borghese: "È tutta colpa sua, ecco cosa ha fatto"