lunedì, Giugno 27, 2022
HomeCuriositàVi ricordate Steve di Otto Sotto Un Tetto? Dal finto suicidio alla...

Vi ricordate Steve di Otto Sotto Un Tetto? Dal finto suicidio alla sparizione: ecco com'è ridotto oggi a 45 anni

"Family Matters" una serie trasmessa originariamente negli USA dal settembre 1989 al maggio 1997 ebbe così tanto successo che giunse anche Italia, trasmessa dalle reti televisive Italia1 e Canale5. Meglio conosciuta in Italia come "Otto sotto un tetto", racconta la storia di Carl Winslow ufficiale della polizia di Chicago, inizialmente sergente durante la serie riesce a diventare capitano del comando di polizia. Vive, in una grande casa in periferia, insieme alla sua numerosa famiglia: la moglie Harrier, i figli Edward, Laura e Judith, la madre Estelle, la cognata Rachel e il nipote Richard. Il personaggio probabilmente più conosciuto della seria è il loro vicino dicasa Steve Urkel:  pasticcione e chiassoso e follemente innamorato di Lara. Molto nota è la sua frase «Sono stato io a fare questo?», che dice ogni volta che combina un disastro. Il personaggio di Steve è stato introdotto solo dopo il 12º episodio, con apparizioni brevi e sporadiche; l'immediato gradimento da parte del pubblico convinse la produzione a incentrare di più l'attenzione sul giovane innamorato e combinaguai.

Ma chi è Steve Urkel nella realtà? Jaleel White oggi ha 45 anni, essendo nato nel novembre del 1976, ed è riconosciuto come attore e sceneggiatore. Dopo una fugace apparizione nella famosa serie "I Jefferson", a soli 12 anni, deve il suo successo alla sitcom "Otto sotto un tetto". Lo ricordate con le bretelle rosse, jeans a vita altissima, occhiali spesso incerottati e taglio di capelli simmetrico. Al raggiungimento del nono anno consecutivo nella serie nel 1998, rinnegò il personaggio di Steve perché si sentiva professionalmente intrappolato. Non è insolito per gli attori sentirsi così; anche Daniel Radcliffe, interprete di Harry Potter, dichiarò di non capire se veniva apprezzato in qualità di  attore o d'interprete del maghetto più amato al mondo. Nonostante l'incoraggiamento dei fan Jaleel voleva dedicarsi ad una recitazione differente e alla scrittura di sceneggiature televisive che però non ottennero mai risultati soddisfacenti, eccelse solo nel doppiaggio.

Nella sua bio però appare anche la notizia del falso suicidio. Nel giugno del 2006 la sua vita ha ricevuto un forte scossone. Una mail informò i media che l'interprete di Steve si era tolto la vita nel suo appartamento di Los Angeles dopo essersi sparato. I media divulgarono la notizia accompagnata da false dichiarazione di amici e colleghi con la specifica di un bigliettino d'addio sul quale era riportata la frase che lo rese celebre "Sono stato io a fare questo?". A distanza di cinque mesi arrivò il suo commento che non fu nemmeno dei migliori. "Non so nemmeno cosa dire su quella maledetta cosa. Mentre cerchi di mandare avanti bene la tua vita, di tanto in tanto ti arrivano questi colpi improvvisi. Questo è stato il mio colpo improvviso a giugno".

LEGGI ANCHE:Gino Paoli si è sparato, in una lettera le motivazioni del gesto