sabato, Luglio 2, 2022
HomeCuriositàVi ricordate com'era Fabio Fazio al suo esordio in tv? Spunta una...

Vi ricordate com'era Fabio Fazio al suo esordio in tv? Spunta una vecchia foto con Raffaella Carrà: Irriconoscibile

Fabio Fazio è uno dei presentatori più apprezzati della televisione nostrana e il suo stile di conduzione sobrio e misurato è amato da uno sterminato numero di italiani. Siamo abituati ormai a vederlo comparire sui nostri teleschermi da moltissimo tempo e da diversi anni ci fa compagnia quasi tutte le sere alla guida di Che tempo che fa. I suoi esordi, però, affondano le radici davvero lontano nel tempo e in delle immagini del 1983 lo vediamo sfoggiare un caschetto di boccoloni accanto alla diva immortale Raffaella Carrà.

Il buon Fabio mosse i primi passi nel mondo dello spettacolo già un anno prima di questo scatto, alla radio, cimentandosi in imitazioni di personaggi famosi. Molta acqua, di fatti, è passata sotto i ponti da quegli anni e Fazio ha subito una vera e propria trasformazione, un po’ come tutti noi. Già dai tempi di Quelli che il calcio, nonostante la giovane età, si era infatti impresso nell’immaginario collettivo come un conduttore calmo e compassato, anche se sempre con la battuta pronta. A vederlo in questo scatto accanto alla Raffaella nazionale, invece, dà proprio l’impressione di essere un ragazzino un po' spaesato ma entusiasta del mondo della TV e con grandi sogni e aspettative.

Va detto, allora, che gran parte di esse si sono avverate perché adesso è infatti alla guida di uno dei programmi di punta della Rai e tra gli ospiti che hanno concesso interviste al suo show troviamo personalità del calibro di Tom Hanks, Richard Gere e nientemeno che Papa Francesco. Proprio quest’ultimo, infatti, ne ha concesso recentemente una al conduttore e da quel 1983 sembra davvero che di strada ne sia stata fatta eccome. Non possiamo, a questo punto, non citare parte delle dichiarazioni del pontefice per due motivi.

Fabio Fazio e Raffaella Carrà nel lontano 1983
Fabio Fazio e Raffaella Carrà nel lontano 1983

Il primo, e più futile, è quello di dimostrare che il ragazzino sbarbatello accanto alla Carrà è riuscito ad ottenere risultati davvero straordinari. Il secondo, quello importante, serve a toccare i cuori di tutti facendoci ricordare quali immani tragedie stanno colpendo il vecchio continente. Queste, infatti, le parole del Papa sui 12 migranti trovati morti di freddo al confine greco- turco.

«Questo è un segnale della cultura dell’indifferenza. Le categorie al primo posto in questo momento sono le guerre. La gente è al secondo posto. Ci sono categorie che importano e altre sono in basso: i bambini, i migranti, i poveri, coloro che non hanno da mangiare. Con un anno senza fare armi, si potrebbe dare da mangiare ed educazione a tutto il mondo. Vediamo come si mobilitano le economie e cosa è più importante oggi, la guerra: la guerra ideologica, di poteri, la guerra commerciale e tante fabbriche di armi».

Sperando, allora, che il monito del pontefice venga ascoltato al più presto, non ci rimane che fare i nostri complimenti a Fazio per essersi messo a disposizione di un messaggio così importante.

LEGGI ANCHE: Enzo Paolo Turchi in lacrime da Serena Bortone: "Quando ho visto il cadavere di Raffaella Carrà..."