lunedì, Giugno 27, 2022
HomeNotizie TVZlatan Ibrahimovic sottoposto a una delicatissima operazione: i tempi di recupero

Zlatan Ibrahimovic sottoposto a una delicatissima operazione: i tempi di recupero

Il campionato del Milan è finito nel migliore dei modi. Grazie alla sonora vittoria (0-3) in casa del Sassuolo, i ragazzi di mister Stefano Pioli sono ufficialmente i campioni della Serie A 2021-22. L'ultima volta che il Milan aveva vinto uno scudetto era la stagione 2010-11, l'anno dopo il Triplete dei cugini dell'Inter. Si è detto che protagonisti di questa cavalcata vincente siano i giovani: Theo Hernandez, Mike Maignan e Rafael Leao su tutti. Ma, si sa, una squadra ha anche bisogno di uomini spogliatoio e a questa categoria appartiene sicuramente Zlatan Ibrahimovic. Nella stagione corrente, l'attaccante svedese non si è visto molto in campo. Specialmente nel 2022, le sue presenze sono state ridotte all'osso.

In campionato è sceso in campo 23 volte, segnando 8 gol. In Coppa Italia, nonostante la sua squadra sia arrivata in semifinale, conta invece 0 presenze. In Champions League l'attaccante ha giocato in quattro delle sei partite totali del Milan. Che i guai fisici gli abbiano rovinato la seconda parte della stagione lo si era capito. Non è un caso che oggi mercoledì 25 maggio, il 41enne sia stato sottoposto a una delicatissima operazione di ricostruzione del legamento crociato anteriore. L'intervento, stando a quanto scrive SportMediaset, è perfettamente riuscito ma c'è comunque una 'cattiva' notizia: Ibrahimovic non potrà tornare in campo prima di 7/8 mesi. Va da sé che nella migliore delle ipotesi, lo rivedremo in campo (a patto che rimanga al Milan) dopo i Mondiali di Qatar.

Sì, perché come sanno bene gli appassionati di calcio, quest'anno il campionato di Serie A inizierà a metà agosto, visto che a dicembre si fermerà per oltre un mese a causa dei Mondiali in Medio Oriente. Che Zlatan Ibrahimovic non parteciperà alla Coppa del Mondo con la Svezia è certo da tempo. Resta da capire se, come sperano in molti, resterà a Milano come calciatore. In tal caso, tornerà a giocare con i compagni alla ripresa della Serie A. Il suo rinnovo era in dubbio già da tempo. Ora che a 41 anni si è sottoposto a una operazione così delicata, i dubbi aumentano ancora di più. L'ipotesi più accreditata è che si valuteranno le condizioni fisiche tra 5-6 mesi, prima che gli venga un nuovo contratto da calciatore. Nel caso in cui Ibra non se la sentisse di giocare ancora, allora la dirigenza milanista gli offrirà un contratto da dirigente. Al momento l'incertezza regna sovrana e prima di avere una risposta certa sul futuro di Ibra bisognerà attendere qualche mese.