venerdì, Luglio 1, 2022
HomeNotizie TVMahmood, il retroscena piccante dall'Eurovision: "Nel camerino con Blanco? Mi sono divertito..."

Mahmood, il retroscena piccante dall'Eurovision: "Nel camerino con Blanco? Mi sono divertito..."

Ieri sera è andata in onda una nuova puntata di "Porta a Porta", lo storico programma di Rai Uno condotto da una vita da Bruno Vespa. Tra gli ospiti del prestigioso salotto c'era anche Mahmood. Il cantante, che ha vinto Sanremo 2022 insieme a Blanco con la hit "Brividi", ha rappresentato l'Italia all'Eurovision Song Contest svoltosi la scorsa settimana a Torino. Come noto (e come prevedibilissimo) la nazione che ha portato a casa il premio musicale è stata l'Ucraina. L'Italia si è accontentata di un discreto quarto posto. In un anno segnato dalla guerra in Ucraina, forse non finire neanche sul podio è l'ultimo dei problemi. Mahmood e Blanco sono comunque piaciuti molto al pubblico internazionale dell'Eurovision Song Contest e siamo certi che da qualche giorno gli stream su Spotify e le visualizzazioni su YouTube di "BRIVIDI" abbiano subito una notevole impennata. Anche Mahmood e Blanco sono tornati alla ribalta dopo il picco di popolarità di febbraio, che è andato via via scendendo. Ieri a Porta a Porta, tuttavia, è stato chiamato solo il cantante che vinse Sanremo già nel 2019 con "Soldi".

Nel corso della chiacchierata con Bruno Vespa, l'artista ha parlato anche e soprattutto di musica. Com'è stato, per un cantante, partecipare a un evento dove ci sono voci, accordi e melodie così diverse? In tal senso Mahmoud ha rivelato di sentirsi un po' "confuso" perché "ci sono generi musicali che sono lontani da quello che ascolto di solito. Tuttavia, è comunque curioso poterli ascoltare tutti e, in un certo senso, è tutta roba nuova per me, quindi interessante". E ancora:"La musica è tutta soggettiva, devi avere la giusta apertura mentale per godertela. Non posso dire che qualcosa sia brutto perché così facendo potrebbe incidere negativamente sulle persone. Non posso giudicare senza sapere. Per fare un esempio ed essere chiari: non posso giudicare le canzoni country se non le ascolto", queste le parole del cantante italiano in collegamento audiovisivo del teatro "Alcatraz" di Milano durante la puntata "Porta a Porta".

Infine una dedica al suo compagno di avventure Blanco: "Mi ha lasciato tanti bei ricordi, con Blanco in camerino dopo l'esibizione abbiamo sfogato le ansie presenti nei nostri corpi, ci siamo divertiti molto". Infine, Mahmood attribuisce a Gigliola Cinqueti, che vinse l'Europa Music Festival di Copenaghen nel 1964 e mise l'Italia nell'Albo degli onori del Festival: "Ero proprio davanti a Gigliola quando cantava ed ero davvero senza parole. Era molto simpatica e le sue lezioni erano incredibili, un privilegio averla conosciuta". DOpo di lei ci sono riusciti Toto Cutugno negli anni '80 e i Maneskin nel 2021.

LEGGI ANCHE: Mahmood, dopo il grande successo i problemi: accusato di furto da un pezzo grosso delle istituzioni