Isabella Ferrari torna dopo la sparizione e parla della malattia che ha contratto: "Fino a pochi anni fa era mortale"

tuttonotizie-isabella-ferrari-torna-dopo-la-sparizione-e-parla-della-malattia-che-ha-contratto-fino-a-qualche-anno-fa-era-mortale

Nata in un piccolo paese della provincia di Piacenza, la meravigliosa Isabella Ferrari ha esordito al cinema agli inizi degli anni '80. Le prime pellicole a cui ha partecipato sono state dirette dal celebre regista Carlo Vanzina. Poi invece, l'interprete ha collaborato con ulteriori grandi nomi del calibro di Dino Risi, Neri Parenti, Ettore Scola, Ferzan Ozpetek, e Paolo Sorrentino. Ed è appunto grazie a un film dell’ultimo regista del nostro elenco che Isabella ha ottenuto uno dei premi più importanti della sua scintillante carriera. Parliamo, ovviamente del Nastro D’Argento ricevuto per merito del suo prendere parte a “La grande bellezza“, pellicola che tra le altre cose, ha ricevuto anche un Oscar nella categoria Miglior film straniero. Ultimamente invece, l’attrice ha avuto dei ruoli in un paio di prodotti targati Netflix. Il primo è la serie dal titolo “Baby“, mentre due anni fa ha vestito i panni di Irene nel film “Sotto il sole di Riccione“.

La Ferrari ha raccontato la patologia da cui è stata affetta di fronte alle telecamere di “Domenica In“, trasmissione che va in onda sulle frequenze della Rai e che viene magistralmente presentata da Mara Venier. Sebbene non abbia voluto specificare di che malattia si sia trattata, l’attrice ha comunque lasciato intendere di aver attraversato un periodo di grande sofferenza per questo male. Per la verità, Isabella aveva già raccontato un po' di tempo fa al “Corriere“ del brutto momento dovuto alla sindrome in questione. La malattia purtroppo, è giunta per lei letteralmente come un fulmine a ciel sereno, senza che potesse in qualche modo prevederla: “Una mattina mi sono svegliata e non sentivo più le gambe. E che è iniziato un percorso di paura, dolore, impegno per cercare una diagnosi. E di speranza che non si trattasse di un male mortale”.

Fortunatamente, grazie ai mezzi che attualmente possiede la medicina, questa patologia può essere contrastata: “Qualche anno fa, era mortale. Oggi, si guarisce. Ma all'inizio, non si capiva che cosa avessi. Si tratta di una malattia rara, di cui non dirò il nome per evitare che le persone vadano su Internet a cercarla. Io l’ho fatto ed è servito solo a darmi più angoscia. Le informazioni sul web non sono mai aggiornate”. Armandosi di grande coraggio e caparbietà la cinquantottenne ce l'ha fatta a superare questo pesantissimo ostacolo. Ad oggi infatti, per lei, la malattia è soltanto un triste ricordo del quale preferisce parlare il meno possibile, pensando piuttosto con maggiore intensità al suo futuro luminoso magari in altre pellicole o fiction dato che la bravura immensa c'è e la bellezza pure!

LEGGI ANCHE: Elena Sofia Ricci, la sua primogenita Emma la “rinnega” | E’ proprio l’attrice a confessarlo